martedì 29 settembre 2009

Panzanella “New generation


…Anche se nella carta l’estate dovrebbe essere finita… qua ancora fa un caldo tremendo e assieme alla voglia di assaporare dei cibi coccola c’è ancora un po’ di spazio per qualcosa di fresco….
Quest’anno mi è stato detto: “se provi la panzanella in questa versione non la lascerai più…”
In effetti per chi ha provato il piatto toscano nella sua versione tradizionale non può che rimanere esterrefatto da questa nuova veste .. sicuramente più moderna.. visto che il piatto povero per eccellenza è fatto in origine con il pane secco e quello che l’orto nella bella stagione può offrire….

Questo è un po’ più attuale visto che il pane non va ammollato ma è l’acqua di vegetazione dei pomodori a fare da padrona…




Nulla di più facile quindi va solo giocato un po’ sul tempo di preparazione….

500 gr di pane toscano
5 pomodori maturi
1 cetriolo
1 cipolla bianca
1 mazzetto di basilico
Olio sale aceto

Tagliare il pane leggermente raffermo (va bene vecchio di due giorni) a cubetti, aggiungerlo ai pomodori tagliati a pezzi. Dopo due ore circa aggiungere il resto degli ingredienti e la cipolla tagliata a fettine e lasciata marinare in aceto in modo da smorzare il gusto forte.
Condire con abbondante olio sale e a aceto e servire.

4 commenti:

  1. ma che belle cose che stai postando!! panzanella, questa non l'ho ancora fatta... quasi quasi gli ultimi pomodori li uso così! grazie per l'ispirazione!

    RispondiElimina
  2. La panzanella è uno dei piatti che preparo spesso in estate, non solo perchè sono toscana ma perchè lo trovo un piatto fresco, saporito e colorato.
    Questa versione di lasciar marinare pane e pomodoro mi è nuova, ma la voglio provare prima che gli ultimi pomodori raccolti dall'orto spariscano.
    Bel blog!

    RispondiElimina
  3. Io la panzanella non l'ho mai assaggiata e la tua mi ha fatto venire una gran curiosità!

    RispondiElimina
  4. Mi piace la versione in verrine :))

    RispondiElimina