sabato 23 maggio 2009

Quando fa caldo.....ci vuole un po' di pazienza...





Lascio un post brevissimo visto che sto partendo per qualche giorno di relax....
un post che in questi giorni ci vuole proprio...visto le temperature folli delle città....
é nato da un po' di idee prese qua e la per i blog... e trasformati per una sfida con mia figlia che adora quei ghiaccioli pieni di colori a dir poco alieni... una sfida per farle mangiare qualcosa di veramente naturale... una bella granita di fragole bio con l'aggiunta dello sciroppo al gelsomino di Sigrid...ci vuole solo un po' di pazienza ma il risultato è garantito...


300 gr di fragole biologiche
200 ml di acqua
3 cucchiai di sciroppo di gelsomino


Frullare le fragole e aggiungere 200 ml di acqua e 3 cucchiai di sciroppo.Versare in una bottiglia di vetro con tappo a vite e mettere in freezer. Ogni 15/20 minuti agitare con cura. Continuare per circa 3 ore. ( o fin quando non si reputi la corretta formazione dei cristalli di ghiaccio che per una vera granita devono essere di piccolissime dimensioni)

martedì 19 maggio 2009

Risotto primavera







Detto così potrebbe apparire un piatto fusion invece non è nient'altro che un semplicissimo piatto dalla riuscita pressoché infallibile... soprattuto per l'immensa varietà di primizie che si iniziano a trovare nel banco del mercato...e per l'estrema vivacità di sapori nella scelta di prodotti freschi e nel mio caso bio... ha riaperto la "signora Giovanna"che per noi vuol dire frutta e verdura di primissima qualità biologica senzafartispennare!!!!


per 4 persone


350 gr dio riso vialone nano
2 carote
6 asparagi
1 cipolla bianca
1 costa di sedano
200 gr di pisellini sgranati
2 cucchiai di panna da cucina
4 cucchiai di grana grattugiato
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
1,2 litri di brodo vegetale
1/2 bicchiere di vino bianco
prezzemolo
sale e pepe


Lavare il sedano e gli asparagi le carote e ridurre tutto a cubetti pressappoco della stessa dimensione.
Soffriggere la cipolla nell'olio aggiungere tutte le verdure e per ultimi le punte degli asparagi e i pisellini. Lasciare cuocere per 5 minuti circa. Salare.
Aggiungere il riso e sfumare con il vino bianco. Procedere nella cottura con il brodo a fuoco basso aggiungendo il liquido un po' alla volta.
Una volta raggiunta la cottura spegnere il fornello e aggiungere i due cucchiai di panna il grana e il prezzemolo tagliato finemente.

Lasciare mantecare 4 minuti e servire con una spolverata di pepe.

Con questo post non posso far altro che parteciapare alla sezione "Verdure golose" proposto da Sandra di UN TOCCO DI ZENZERO !!!

lunedì 18 maggio 2009

Un classico... o quasi fave formaggio e salame







Questa ricetta è una semplice rivisitazione di un classico abbinamento del l'Italia centrale... le fave sono proprio una di quelle cose che se ne mangerebbero a go-go... mi fanno venire in mente le grandi merende sull'erba... ma se si vuol essere un po' più formale e servirle in un "tutto compreso" si può ricorrere a questa purea di una semplicità quasi banale...ma di un colore così intenso che incuriosisce un bel po'!



300 gr di fave sgusciate (meglio se piccole)
6 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 macinata di sale
1 macinata di pepe

per accompagnare
Salame stagionato
pecorino fresco
pane abbrustolito


Frullare le fave assieme all'olio con il minipimer fino ad ottenere una purea. Aggiustare di sale e pepe. Stendere la crema così ottenuta su crostini di pane passato sotto il grill 5 minuti per parte e guarnire con salame o pecorino.

venerdì 15 maggio 2009

Fragole con panna.... a modo mio







Le fragole con panna sono un classico di questo periodo... iniziano ad esserci frutti succosi e dolci... e la panna diciamocelo è la morte sua...
questa rivisitazione nasce dall'idea di smorzare il dolce e vivacizzare questo dessert...
il limone poi al suo interno da una marcia in più alla gelatina come lo yogurt alla panna...

per 2

200 gr di fragole
200 gr di panna da montare
100 gr di yogurt intero
6 gr di agar agar
2 tazzine da caffè di acqua
1 limone non trattato
2 cucchiai di zucchero a velo


Pulire le fragole lasciando da parte 4 per la guarnizione. Frullarle assieme ad una tazzina di acqua e un cucchiaio di zucchero a velo. Lavare il limone e prelevare la scorza limitando il più possibile la presenza della parte bianca. Mettere a bollire in un pentolino l'altra tazzina di acqua assieme alla scorza tagliata a cubettini molto piccoli e lasciare bollire per almeno 7 minuti.

Aggiungere la purea di fragole e una volta portato ad ebollizione l'agar agar.

Versare nel fondo dei bicchieri e lasciare raffreddare.

Montare la panna assieme al cucchiaio di zucchero a velo, aggiungere quindi lo yogurt mescolando ancora con le fruste velocemente.


Disporre la crema così ottenuta sopra la gelatina, guarnire col fragole rimaste a pezzettini e una fogliolina di menta.

Con questa ricetta partecipo al concorso di UN TOCCO DI ZENZERO per la sezione Goloso per i golosi.

mercoledì 13 maggio 2009

Lo scettro del potere....







Mio marito mi accusa di aver rubato tutto lo spazio in cucina... di lasciare a lui solo i lavori di bassissima manovalanza... tipo lavare le verdure, pulire il tavolo , lavare gli attrezzi di cucina... dice lui che da quando viviamo insieme le sue arti culinarie hanno perso punti e tutto per causa mia... è vero lo ammetto in cucina difficilmente lascio posto a qualcun'altro.. ma in questo caso lo faccio volentieri perché a lui viene moooolto ma mooolto meglio di me.... questo l'ho scoperto una sera che ero rientrata tardissimo dal lavoro e c'era la tavola apparecchiata i bimbi a letto e la cena da scaldare...da quel giorno lascio la preparazione di questo piatto alle sue manine... e ogni volta mi riprometto di lasciargli più spazio ma com'è dura!!!!
Torniamo alla ricetta...

Pollo al curry
Questa ricetta è stata carpita al mio ex capo durante un pranzo in mensa... si parlava di cucina (tanto per cambiare...) è venuta fuori la sua versione del pollo al curry.... beh l'ho provato e sono rimasta esterrefatta... non c'è nulla di sconvolgente dentro... ma è uno di quei piatti che quando viene preparato sparisce in un batter d'occhio... ultimamente abbiamo infatti aumentato le dosi... perché il rischio era che i miei figli lo divorassero lasciandoci solo un paio di bocconcini... e anche così è una bella lotta....sarà per il connubio consistenze e sapori...

700 gr di petto di pollo
2 cucchiai di curry
5 cucchiai di farina
70 gr di mandorle
2 cipollotti freschi
250 gr di yogurt bianco intero
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale

Tagliare il pollo a cubetti. Mescolare in una ciotola la farina con il curry e un pizzico di sale.Nel wok fare rosolare su due cucchiai abbondanti di olio di oliva il cipollotto tagliato ad anelli, assieme alle mandorle lasciate intere. Aggiungere i bocconcini di pollo ( se il wok è piccolo cuocerne un po' alla volta) e far cuocere fino a quando non assumono la giusta doratura. Servire con yogurt bianco.

QUESTA RICETTA PARTECIPA AL CONCORSO DI UN TOCCO DI ZENZERO PER IL REPARTO RICETTE E ALTRE STORIE DI POLLI

martedì 12 maggio 2009

Insalata con le fragole




Quando iniziano i primi caldi si sa si prediligono i cibi freschi e le insalata trovano sempre posto in pranzi o cene soprattutto in quelli senza tante pretese… e questa è un’idea e non una ricetta in quanto le proporzioni e anche gli ingredienti sono assolutamente a gusto di chi mangia….
Mi piace però l’abbinamento di frutta con il salato… fa evadere dai soliti schemi trasgredendo quel poco che basta per colorare la tavola.


Songino
Fragole
Mela con la buccia
Pane
Sale pepe
olio e aceto di mele


Lavare l’insalata e asciugarla nella centrifuga. Lavare con il bicarbonato le fragole e le mele. Tagliarle a pezzi non troppo piccoli. Prendere il pane tagliarlo in cubetti e passarlo al forno con un filo di olio e un po’ di sale e pepe per 5 minuti circa ( il tempo necessario a farlo diventare croccante, dipende dalle dimensioni dei cubetti).
Unire tutti gli ingredienti e condire a piacere con olio aceto e sale.

lunedì 11 maggio 2009

Focaccia con le fave....





Le fave ecco l'altro mio chiodo fisso di questo periodo... fave e pecorino.... delle quali ho un paio di versioni che adoro.. fave e pane e olio ...fave e salame... insomma potrebbero divetare la mia ossessione del mese di maggio...

ma quest'anno ancora ho fatto fatica a trovarne di belle di quelle piccoline che ancora non hanno formato la pellicina amarognola e sono ancora un po' dolciastre....

Ecco quelle che ho trovato da supermercato (orrore!!) erano cresciute un po' troppo e allora ho rispolverato questa ottima focaccia... perfetta per il loro immediato riciclo...


600 gr di farina 00
500 gr di fave da sgranare
1 cubetto di lievito di birra
1 scalogno
1 cucchiaino di zucchero
olio extravergine di oliva 3 cucchiai
sale e pepe

Sbucciare le fave e cuocerle insieme allo scalogno soffritto in un cucchiaio di olio per una decina di minuti. Tagliarle grossolanamente, e unirle alla farina. In un po' di acqua tiepida aggiungere un cucchiaino di zucchero e il lievito. Fare venire a galla il lievito senza mescolare (attendere una decina di minuti). Mescolare il lievito con un cucchiaio di legno e unirlo alla farina. Impastare energicamente e aggiungere un pizzico di sale e una macinata di pepe.
Lasciare lievitare in luogo riparo per un'oretta. Riprendere l'impasto e stenderlo con il mattarello . Adagiarlo su una teglia spennellata di olio e coprire con un telo (meglio se umido) fare riposare una mezz'ora circa. In una ciotolina emulsionare due cucchiai di olio con altrettanta acqua tiepida e un pizzico di sale grosso. Spennellare l'emulsione così ottenuta nella superficie della focaccia. Informare a 250°C per 20 minuti circa.

Servire con pecorino fresco e salame tagliato a mano.

domenica 10 maggio 2009

Tortine alla fragola



Un dolcetto tutto primaverile... si può dire speriamo di siiiiii.... questo fine settimana è stato veramente all'insegna del caldino primaverile... e anche se rinchiusi in casa abbiamo via via messo il naso fuori dalla porta e assaporato questo fantastico tepore..se poi ci si mette la festa della mamma un anniversario e una cena tra amici il dolce era d'obbligo e voilà.. il risultato è questo...
280 gr di farina 00
140 gr di burro
30 gr di mandorle a lamelle
1 uovo
100 gr di zucchero a velo
300 gr di fragole
200 gr di ricotta fresca
70 gr di zucchero semolato
Preparare la frolla mescolando la farina con le mandorle e lo zucchero a velo, aggiungere il burro a pezzetti e l'uovo. Impastare fino ad ottenere una frolla morbida e liscia. Lasciare riposare un'oretta in frigo.
Prendere 14coppette monoporzione ungerle con il burro e passare una spolverata di farina, tirare la frolla con il mattarello dello spessore di 2 cm e foderare gli stampini.
Cuocere in forno per una ventina di minuti a 180° C.
Nel frattempo pulire le fragole tagliando la calotta superiore con il picciolo attaccato di 14 fragole. Mettere le fragole nel frullatore e ridurre in purea.
Lavorare la ricotta con lo zucchero semolato e unire il frullato di fragole.
Disporre su ciascuna crostata la crema così ottenuta e decorarla con le fragole messe da parte.
Nota: si possono preparare per tempo e lasciare riposare in frigo, senza il rischio di ammollare la pasta!


martedì 5 maggio 2009

Cose che rimangono...

Sono tornata dopo un bellissimo fine settimana in Toscana dove ho partecipato tra un lavoro e l'altro a due lezioni organizzate in concomitanza con Citernafortografia da Osteria le civette e Officina Culinaria...
è stato davvero molto bello e ringrazio Stefania e Luisa per la loro bravura nella perfetta organizzazione ...
la manifestazione è stata veramente una sorpresa... foto bellissime... e un sacco di gente con Canon al collo... della serie c'erano tante macchine fotografiche quante persone...
io del resto ho pensato più ad ascoltare e mangiare .. che a fotografare anche se qualche ritaglio del corso c'è scappato e lo propongo di seguito....... ma prossimamente pubblicherò qualche post di cucina della tradizione delle ricette a noi proposte....