venerdì 13 febbraio 2009

Gateau mon amour...























L'altro ieri all'ora di pranzo ho tirato fuori dalla mia sportina (che presto finalente sarà sostituita da uno spettacolare furoshiki cucito da mia nonna...) il mio pranzo... una umile monoporzione di gateau di patate che ha riempito di odore degno di nota la nostra cucina sperimentale....

Ps... il mio amore per il gateau è nato in un viaggio di una decina di anni fa in costiera Amalfitana.. un bel ritrovo di erasmus.... una sera di pioggia battente .... una casa in affitto.... tante strade che si sono riunite per qualche giorno e una teglia di gateau fumante.... preparato dalla mamma salernitana di Roby.... non me lo sono ancora scordato.... un ricordo indelebile...questa non credo sia una ricetta simile ... ma è quella che in genere faccio ed esce veramente bene... anche se a Salerno toenerei anche subito per rimangiarlo!!!


800 gr di patate (possibilmente bianche)
1 mozzarella
1/2 scamorza affumicata
100 gr di grana padano
2 uova
130 gr di prosciutto cotto a cubetti
prezzemolo
sale e pepe

pane grattato
20 gr di burro a fiocchetti

Lessare le patate in acqua salata, scolarle e shiaciarle finemente , meglio se con uno schiaccia-patate. Una volta raffreddate unire le uova sbattute insieme al pepe al grana e il prosciutto cotto. Imburrare una pirofila o dei pirottini monoporzione e spolverarli con del pane grattugiato. Disporre uno strato del composto ottenuto e stendere alternate delle fettine di samorza e mozzarella. Ricoprire con un altro strato di impasto, Spolverare con il pane grattato e daiporre sulla superfiie dei fiocchetti di burro. Infonare a 180°C per una ventina di inuti in modo da ottenere la doratura della superficie.

6 commenti:

  1. Urka, ma sai che io un gateau come si deve non l'ho mai mangiato???
    Vado subito a fare penitenza!!!

    RispondiElimina
  2. Vale, ti scrivo qui per il discorso posate.
    Dunque, queste le ho prese a Milano (ormai vivo qui), però ricordo di averle viste a Mantova in un negozio di abbigliamento (!) di via Calvi (in pieno centro) che si chiama CAST.
    Non so se le tengano ancora, ma ricordo di averle viste lì.

    RispondiElimina
  3. grazie ci darò un occhiata in una mia divagazione mantovana!!!!
    Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Intanto grazie per il bel commento sul nostro blog www.zenandthecity.com ti metteremo in alto a destra tra i commenti più belli. E poi, anche io adoro il gateau, in versione vegetariana con il seitan al posto del prosciutto:)

    RispondiElimina
  6. hmmm da poco devo dire ho iniziato con tofu e seitan... è da provare!!! e grazie a voi per eeser passate di qua

    RispondiElimina